Tecnica Alexander | Sonans
Alexander, tecnica, technique, metodo, benessere, mal di schiena, ernia, performance, stress, antistress, yoga, tai chi, educazione, scuola, esperienza,musicisti, musica, strumentisti, RSI, malattia professionale,tendinite, postura, insonnia, mente, corpo, concentrazione, tremore, sentire, percepire, immaginare, arte cultura, natura, principio universale, consapevolezza, conoscenza dell'io, osservare, crescita interiore, corporea, feldenkrais, mindfulness
10579
page-template-default,page,page-id-10579,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson child-child-ver-1.0.0,hudson-ver-1.8, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,overlapping_content,animate_overlapping_content,frame_around_overlapping_content,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Sonans

Progetto Sonans
Dedicato ai musicisti

È la sintesi nata dell’esperienza di Sophie e Giorgio dopo anni di lavoro prima su se stessi, poi sugli altri, con le discipline del Tai chi Qi Gong e dalla Tecnica F.M. Alexander. Sophie oltre che flautista, si dedica alle “Arti Interne” da 20 anni. Giorgio, invece, è flautista e insegnante di A.T. dal 1990.

 

SONANS non è un semplice percorso per alleviare, prevenire, o proporre soluzioni a quei disagi fisici ed emotivi che si possono incontrare quando si suona uno strumento. E’ molto di più: esso dedica completa e attenzione alla persona. Produce stabilità nelle intenzioni, nelle emozioni e nei pensieri che guidano il musicista; solidità e flessibilità nei suoi movimenti e nell’approccio allo strumento, in modo che egli sia veramente in grado di esprimere tutto il suo potenziale e migliorare sensibilmente la sua performance musicale.

Si sta bene! Si suona meglio!

 

 

LE MOTIVAZIONI:

Tutti siamo ormai consapevoli che spesso musicisti professionisti o anche giovani studenti, prima o dopo si ritrovano a fare i conti con situazioni di disturbo da stress ripetitivo (Ripetitive Strain Injury – RSI), stress emotivo, o semplici “mal di schiena” dovuti a cattive abitudini o “posizioni scorrette” che a volte lo strumento musicale impone. In più, con il passare del tempo, il corpo tende a perdere elasticità e capacità espansiva, con la conseguente alterazione dell’assetto. Se non si pone la dovuta attenzione, tutto questo può portare a vari malanni, come scarso rendimento durante la performance, tendiniti, dolori cronici, insonnia e depressione. Vengono proposte, allora soluzioni o percorsi, con “discipline Olistiche” o cure mediche, (anche invasive), la maggior parte delle quali non tiene conto dell’aspetto globale della persona; come usa se stessa; come si percepisce; come si emoziona; come e cosa pensa mentre suona, e anche mentre non suona!

CHE COS’E’ il PROGETTO SONANS

Il PROGETTO SONANS non è un semplice percorso per alleviare, prevenire, o proporre soluzioni a quei disagi fisici ed emotivi che si possono incontrare durante la carriera di musicista. E’ molto di più: coniuga le esperienze della Tecnica F.M. Alexander e delle arti interne cinesi, quali il Taiji e il Qi Gong, per consentire di migliorare la propria performance in modo continuativo. E’ un percorso innovativo ed estremamente efficace. Esso dedica completa attenzione alla persona, intesa come Individuo Unico e senza uguali, formato dall’intima unione tra corpo, mente, emozioni, ambizioni, desideri, obiettivi e schemi motori abituali. Caratteristiche individuali enormemente diverse per ognuno e che si combinano con le peculiarità dello strumento che si suona. SONANS produce forza nelle intenzioni, stabilità nelle emozioni e nei pensieri che guidano il musicista; solidità e flessibilità nei suoi movimenti e nell’approccio allo strumento, in modo che egli sia veramente in grado di esprimere tutto il suo potenziale, sentirsi a proprio agio sia come persona che con il proprio strumento, per migliore sensibilmente la propria performance musicale.

Il progetto SONANS è stato ideato da Sophie Babetto (www.kwoon.net) e Giorgio Ravazzolo entrambi flautisti professionisti.

La vita di orchestrali e concertisti, intensa e ricca di viaggi ed esibizioni, li ha condotti, in momenti diversi, a cercare un efficace “supporto” allo studio, inizialmente per continuare a migliorare e alzare il livello Tecnico/musicale, poi per affrontare e superare quelle problematiche psicofisiche date dalla particolare professione.

Nel 2015 essi hanno messo in pratica gli anni di studio e di lavoro, sia come musicisti che di insegnanti di discipline corporee, unendo le loro esperienze dei due settori apparentemente diversi, come la Tecnica F.M. Alexander e il Qi Gong/Chi Kung, in una sintesi che hanno chiamato “PROGETTO SONANS”- il corpo risuona.

La loro esperienza parte dalla verifica personale, durante lo studio e sul palcoscenico, dell’efficacia del Metodo F.M. Alexander combinato con le arti corporee interne del Qi Gong. Pur mantenendo la loro peculiarità, le 2 discipline sono state integrate per colmare quelle “limitazioni” che entrambe hanno, secondo la visione del musicista, il quale possiede obbiettivi e desideri spesso precisi e specifici.

La Tecnica F.M. Alexander è in grado di risvegliare la propriocezione sottile di cui ha estremo bisogno il musicista, ponendolo nella condizione ideale per meglio esprimersi. Insegna a lavorare sulle proprie inadeguatezze, le proprie tensioni spesso profonde e quasi impercettibili, in modo da poter evitare o correggere errori “posturali” con immediatezza. Avere un’intenzione di pensiero e di obiettivo più preciso; conquistare una consapevole e costruttiva padronanza delle proprie emozioni per accrescere al massimo le proprie qualità.

Il Qi Gong/Chi Kung attiva i muscoli stabilizzatori, senza contrarre i muscoli non necessari, abitua la mente a sintonizzarsi con le movenze interne del corpo, propone movimenti sovrapponibili quasi perfettamente a quelli legati a tutti gli strumenti, e lavora anche le posizioni statiche, importantissime per affrontare le tensioni date proprio dalla fissità di alcune parti del corpo del musicista, diverse da strumento a strumento.

PERCHE’ scegliere SONANS?

Lo scopo è MIGLIORARE l’esecuzione musicale, grazie ad un recupero profondo della propriocezione sottile, ricreando gli schemi motori e di pensiero abituali in relazione allo strumento. Si riorganizza la postura vista in un contesto dinamico, applicata all’uso dello strumento, e si modifica di conseguenza, in modo naturale, l’esperienza emotiva in relazione al passaggio tecnico problematico, l’ottava difficoltosa, l’esecuzione in pubblico, la direzione del pensiero, la qualità del fraseggio musicale. In breve: sentirsi bene con il proprio strumento, sempre!

Il progetto SONANS ha come obbiettivi:

  • RENDERE PIU’ EFFICACE LO STUDIO E L’ATTIVITA’ DI SUONARE UNO STRUMENTO MUSICALE O DI CANTARE;
  • ACCORCIARE I TEMPI DI APPRENDIMENTO;
  • ESTENDERE IL MARGINE DI MISGLIORAMENTO IN TERMINI DI TECNICA; MUSICALITA’, CONCENTRAZIONE, EMOTIVITA’, CHIAREZZA DI PENSIERO ;
  • FAR EMERGERE LE POTENZIALITA’ INESPRESSE;
  • EVITARE, O AFFONTARE IN MODO DEFINITIVO I TIPICI DISTURBI PSICO-FISICI DEL MUSICISTA;
  • STARE BENE E AVERE VERAMENTE IL PIACERE DI SUONARE SENZA IMPEDIMENTI.

I punti forti sono:

  • VALIDITA’ DEL SISTEMA SPERIMENTATA SUL CAMPO;
  • INNOVAZIONE ED EFFICACIA;
  • Le due discipline (Tecnica Alexander e Qi Gong) SU CUI SI FONDA “SONANS”, HANNO LUNGA TRADIZIONE E COMPROVATE BASI SCIENTIFICHE;
  • COMPETENZA nei propri ambiti e DURATURA ESPERIENZA dei Docenti che lo propongono.

 

Calendario dei corsi

Il corso riprenderà a gennaio, 2021 (date ancora da definire) presso il Centro Kwoon-Padova
info e adesioni contattandomi direttamente.